Via della seta

Via della seta – viaggi

Informazione generale su Via della Seta

La Grande Via della Seta è uno dei traguardi più notevoli delle antiche civiltà, la strada transcontinentale, che per la prima volta nella storia dell’umanità collega l’Occidente e l’Oriente, i paesi del Mediterraneo e l’Estremo Oriente, le antiche civiltà cinesi.

Nel processo di studio degli antichi modi di commercio e di scambio, è anche importante determinare le aree di concentrazione delle fonti di materie prime – minerali e metalli rari, i prodotti dai quali erano molto richiesti. Secondo antiche iscrizioni persiane, la lazurite e la corniola provenivano dalla Sogdiana (odierno Uzbekistan e una parte di Tajikistan) e dalla Bactria (odierno Afganistan) in Asia Minore. Ctesias riporta la presenza di miniere d’argento e d’oro in Bactria. Informazioni sulle terre della Bactria ricche di depositi di oro, argento, stagno, ferro, rame e lapislazzuli giravano nelle fonti fino al tardo medioevo.

Un’analisi dei materiali scritti e archeologici – lo studio dei caravanserragli medievali, dei contenitori dell’acqua – sardoba e anche dei singoli insediamenti – ha permesso di caratterizzare i percorsi che conducono dalle regioni dell’Asia centrale meridionale a Sogd e Khorezm.

Sardoba – una vasca ricoperta dalla cupola dei tempi di carovane.

Storia della Via della Seta

La situazione precedente alla formazione

Le strade dei tempi antichi su mappe storiche seguivano il percorso di Alessandro Magno da Bactria a Maracanda (Samarcanda).

La descrizione dei percorsi del tempo achemenide da Efeso e Sardi a Susa o da Efeso a Bactra e in India risale a Erodoto e Ctesius. La famosa strada carovana “reale” collegava le regioni occidentali e orientali dello stato achemenide. Ed era dotata di locande e parcheggi per la ricreazione per ogni passaggio con 150 palchi, o 5 parsan.

La formazione delle strade dipendeva anche dalla concentrazione in alcune aree di materiali da costruzione (legno, pietra). Era legata anche ai fonti di materie prime (rocce vulcaniche per la fabbricazione di strumenti), pietre semipreziose (lapislazzuli), rame, ferro, oro, ecc.

Nei secoli VI-IV. AC le principali rotte del sud dell’Asia centrale iniziarono ad utilizzare più intensamente per il commercio a lunga distanza e per il traffico di transito. Secondo i ricercatori, l’oro siberiano scorreva attraverso il territorio della Bactria fino ai centri del potere achemenide. Mentre nei tumuli Pazyryk di Altai furono trovati oggetti dei maestri del Vicino Asia.

La presenza di vari percorsi ha contribuito all’intensificazione degli scambi tra la popolazione delle aree abitate dell’Asia centrale meridionale. La direzione delle prime strade coincise con le rotte commerciali dei periodi successivi.

Formazione della Via della Seta

L’inizio del funzionamento della Grande Via della Seta risale alla seconda metà del II secolo. AC, quando il diplomatico e viaggiatore cinese Zhang Jian scoprì per la prima volta la regione occidentale per i cinesi, i paesi dell’Asia centrale.

In tal modo, per così dire, due grandi strade che andavano in terre precedentemente sconosciute erano collegate in una. Una, che portava da ovest dai paesi del Mediterraneo all’Asia centrale, esplorato e viaggiato dai Greci e dai Macedoni durante le campagne di Alessandro Magno. E altra da est dall’impero Han all’Asia centrale, esplorato da Zhang Jiang, che ha attraversato questa regione da nord a sud attraverso Davan (Ferghana), Kangyu (Mesopotamia centro asiatica) e Bactria.

Sogdiani

Il ruolo di primo piano alla fondazione della Grande Via della Seta appartiene ai Sogdiani, che, probabilmente dopo la conquista di Alessandro Magno, iniziarono a stabilirsi verso est. Successivamente, sorgono fabbriche commerciali sogdiane lungo l’intera parte orientale di questa rotta dall’Asia centrale a Chan-An in Cina e, possibilmente, in Giappone. E alla fine del VI secolo. il mercante sogdiano, girando attorno al Mar Caspio e attraversando il Mar Nero, arrivò a Costantinopoli, gettando le basi per la prima via nel commercio della seta – la “via della seta caucasica”.

Il nome “Silk Road” fu introdotto per la prima volta nell’uso scientifico dallo scienziato tedesco Freicher von Rikthofen nel 1877 nel suo classico lavoro “China”, e questo è pienamente giustificato. Era la seta, come notato da un altro scienziato tedesco – Albert Herman, che fu il prodotto principale introdotto alla fine del II secolo. A.C. due mondi diversi: ovest e est.

Ma sarebbe del tutto non giusto ridurre il significato della Grande Via della Seta nella storia della civiltà mondiale esclusivamente al commercio della seta. Il suo ruolo era molto più ampio e diversificato, per le carovane che lo attraversavano non solo con vari beni orientali e occidentali, ma penetrava anche in valori spirituali e idee religiose.

Occidentali sulla Via della Seta

Le importazioni romane sul territorio della Bactria sono poche. La barriera alla loro penetrazione era Parthia. Le cronache cinesi affermano che “il sovrano (di Roma-Daqing) ha cercato a lungo un’opportunità per aprire uno scambio con la Cina, ma gli Ansi (i Parti), che volevano fornire da soli i tessuti di seta cinesi a Daqing, non hanno permesso ai Daqing di attraversare i loro confini con la Cina”. Non li fecero neppure entrare in Bactria, poiché avevano rapporti ostili con i re greco-battriani e Kushan.

I legami occidentali sulla Grande Via della Seta portarono ulteriormente all’Iran sassanide – a Bisanzio. Motivi bizantini furono trovati in singoli punti di esso, e persino tipi imitativi di monete apparvero nella zecca Sogdian-Turcha (la testa del sovrano o le facce del re e la regina che si aggrappavano l’una all’altra).

Dopo che i portoghesi conquistarono i porti della costa occidentale dell’India, il commercio dell’India con l’Asia centrale aumentò notevolmente. Durante questo periodo, fino a 14 mila cammelli caricati attraversarono Khorasan e l’Iran, mentre prima il loro numero non superava i 3 mila.

Da Samarcanda in India esportavano una varietà speciale di pere, mele, uvetta, mandorle, cavalli, cammelli, nonché merci consegnate dalla Russia – pellicce, uccelli selvatici.

Nel Medioevo monaci e mercanti dall’Europa viaggiarono verso l’Oriente per molte ragioni. Tra questi spiccano Giovanni Plano Carpini, inviato da papa Innocenzo IV in un viaggio dal 1245 al 1247, il monaco fiammingo francescano inviato da Luigi IX i santi dal 1253 al 1255, e Marco Polo, i cui viaggi durarono più di vent’anni, dal 1271 al 1292.

Desideri informazioni su viaggi in Uzbekistan?

Gli esperti nel turismo del tour operator in Uzbekistan Uzbektour sono sempre disponibili a darti ogni tipo delle informazione su programmi e itinerari di viaggi in Uzbekistan e altri paesi dell’Asia Centrale

Lascia un commento